Archivi categoria: Presentazione libri

Un libro sulla salumeria

In occasione dell’inaugurazione della quarantaduesima edizione della Fehta dou lar, in programma domani, giovedì 25 agosto, alle ore 18.30, in località La Keya di Arnad, verrà presentato il volume Salumi in Valle d’Aosta, edito da Le Château con il supporto dell’Assessorato Agricoltura e Risorse naturali.

La monografia, dedicata alle diverse produzioni della salumeria valdostana, pone l’attenzione sulla tradizione e il savoir faire della “betserì” (lavorazione delle carni necessarie alla famiglia) e, allo stesso tempo, sulla lavorazione artigianale. L’alta professionalità delle aziende locali ha permesso di ottenere prodotti che hanno raggiunto un alto livello qualitativo, riconosciuto a livello italiano e internazionale, alcuni dei quali hanno ottenuto il marchio europeo di Denominazione di Origine Protetta o sono inseriti nell’elenco nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali.

La pubblicazione è, quindi, un lavoro che intende valorizzare un settore importante della cultura e della produzione agricola regionale, nel quale tra le materie prime compaiono le carni valdostane, siano esse bovine, ovicaprine o suine.

Presentazione del libro: “Difendere la razza” di Nicoletta Poidimani

Lunedì 25 ottobre 2010, ore 18.00
Sala conferenze della Biblioteca regionale di Aosta

L’Assessorato istruzione e cultura comunica che, lunedì 25 ottobre 2010, alle ore 18, nella sala conferenze della biblioteca regionale di Aosta, la ricercatrice della Libera università popolare di Milano, Nicoletta Poidimani, presenterà il suo saggio Difendere la razza. Identità razziale e politiche sessuali nel progetto imperiale di Mussolini, pubblicato nel 2009 per l’editore Sensibili alle foglie.
Si tratta di una ricerca sulla genealogia del concetto di “razza”, sempre tra virgolette nel libro, dal Risorgimento all’Impero fascista, che dimostra come ci sia una continuità sia ideale sia nelle politiche di espansione coloniale tra i governi liberali e il Fascismo, per dare uno sbocco all’emigrazione italiana verso “un posto al sole africano”.
Il saggio delinea quindi la parabola del progetto razziale di Mussolini, analizzando da una parte le produzioni teoriche, come i periodici di regime e le numerose voci di “scienziati razzisti”, antropologi, geografi, etnologi che prestavano le loro conoscenze all’ideologia razzista imperante, e dall’altra le politiche e le leggi volte a tutelare il prestigio della razza dominante ariana e difenderla dalla promiscuità e dal meticciato, fino a determinare una sorta di apartheid nelle colonie italiane.
L’ultimo capitolo infine è dedicato al ruolo della donna. Anche le donne italiane avevano infatti una parte nel progetto imperiale fascista. La donna era considerata la portatrice del corredo biologico, mentre l’uomo del valore morale e del carattere. Quindi le donne venivano “istruite” e trasferite mediante matrimoni combinati nelle colonie dove diventavano uteri littori per la difesa della razza.
In conclusione, quello che emerge dal brillante saggio della Poidimani è che la politica razziale fascista non è assolutamente, come molti credono, frutto di una sorta di contagio da parte della vicina Germania, che nel ’33 diverrà nazista, ma ha origini antiche e italianissime che affondano nel positivismo scientista dell’Ottocento. Inoltre la politica razziale è stata uno dei pilastri sui quali si è fondata l’intera ideologia fascista, fin dai primi anni dopo la marcia su Roma.

Per ulteriori informazioni:
Assessorato istruzione e cultura
Direzione Archivi e biblioteche
0165/ 274870 / 71
www.regione.vda.it

Presentazione del volume: I care Tanzania

Aosta, giovedì 3 giugno 2010

PRESENTAZIONE DEL VOLUME
I CARE TANZANIA – STORIE DI VITA DONATA

La Presidenza della Regione della Valle d’Aosta  informa che martedì 8 giugno 2010, alle ore 20.30, nella Saletta delle manifestazioni di Palazzo regionale ad Aosta, sarà presentato il libro fotografico, I care Tanzania – Storie di vita donata.

Il volume, con foto di Romina Remigio e testi delle suore Missionarie della Consolata in Tanzania e realizzato in occasione del centenario della nascita dell’ordine, illustra l’impegno e la dedizione da loro dedicati allo sviluppo e al miglioramento delle condizioni di vita delle popolazioni più povere della terra. Il libro focalizza l’attenzione, attraverso significative testimonianze e toccanti fotografie, sulla Tanzania, dove già nel 1917 le Missionarie della Consolata hanno situato il loro primo insediamento. Da allora, e attraverso un’assidua presenza, le suore hanno offerto un aiuto concreto alla popolazione locale.

Alla presentazione interverranno il Presidente della Regione Augusto Rollandin, la giornalista Romina Remigio – che da oltre tre anni vive per gran parte dell’anno in Tanzania realizzando reportage e sostenendo i progetti delle missioni -, le Suore Missionarie della Consolata ed Emilio Grivon, volontario laico valdostano che da alcuni anni presta la sua opera nel paese africano.

L’importo ricavato dalla vendita del libro sarà destinato alla prosecuzione di due importanti progetti di scolarizzazione e formazione professionale in una delle regioni più povere della Tanzania.

Le giornate della traduzione letteraria

LE GIORNATE DELLA TRADUZIONE LETTERARIA nuovi contributi.
La nuova raccolta degli interventi presentati nelle Giornate della Traduzione Letteraria è stata recentemente pubblicata, a cura di Stefano Arduini e Ilide Carmignani, nella collana Quaderni di Libri e Riviste d’Italia.
Giunta ormai alle soglie dell’ottavo anno, la manifestazione, organizzata presso l’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”, ha ospitato i traduttori più illustri e gli editori più prestigiosi, oltre a scrittori e studiosi di fama internazionale, per conoscere, discutere e approfondire i vari aspetti della traduzione.

La pubblicazione, in distribuzione gratuita, può essere richiesta a mezzo posta elettronica al Centro per il Libro e la Lettura, inviando nome, cognome e indirizzo a: c-ll@beniculturali.it .