Archivi categoria: Recensione dei libri

Faq Mafia

Che cosa è la mafia? Da quanto esiste la mafia? Quando spara? Quando tace? Come uccide e come pensa. Com’era e com’è. Le sue leggi, i suoi riti, le sue donne, i suoi capi. E i suoi misteri. Dai silenzi di una Palermo “felicissima” alla morte di Giovanni Falcone e di Paolo Borsellino: stragi di mafia ma non solo di mafia. Attilio Bolzoni risponde alle domande più semplici e a quelle dimenticate, presentando un ritratto lucido e aggiornato di Cosa Nostra e dei suoi intrecci con la politica e gli apparati. Patti e ricatti, latitanze infinite, depistaggi di Stato. Un lungo viaggio dentro e intorno alla mafia siciliana. Come è stata difesa dalla Chiesa. Come è entrata nella finanza. Come è stata raccontata dalla letteratura e dal giornalismo. Come l’hanno rappresentata il cinema e la tivù. La trama, lunga un secolo e mezzo, di un’associazione segreta sempre favorita dal potere.

Temi, luoghi, personaggi, idee: elementi di mondo trattati di volta in volta da un’autorità in materia, con uno schema di domande e risposte che rende agile la lettura e, al tempo stesso, completo e facile l’approfondimento.

Attilio Bolzoni
Attilio Bolzoni è un giornalista di “Repubblica”. Ha pubblicato Parole d’Onore (Bur Rizzoli 2008), con Giuseppe D’Avanzo Il capo dei capi (Bur Rizzoli 2007), Rostagno, un delitto tra amici (Mondadori 1997), La giustizia è Cosa Nostra (Mondadori 1995) e con Saverio Lodato C’era una volta la lotta alla mafia (Garzanti 1998).

Cristina Comencini presenta “Quando la notte”

 

Cristina Comencini presenta “Quando la notte”

È estate, Marina è in montagna con il figlio piccolo, sola di fronte alla propria incapacità di essere la brava madre che dovrebbe, che vorrebbe, essere – una sensazione che si affanna a nascondere alla famiglia e persino a se stessa. Il suo padrone di casa, Manfred, è un montanaro rude e silenzioso, che nasconde con la ruvidezza il trauma di un doppio abbandono: quello della madre e quello della moglie, che gli ha portato via anche i figli. Il figlio di Marina accidentalmente cade dal tavolo, il sangue scorre, lei è incapace di reagire.

Manfred salva il bambino e scopre il “segreto” di quella donna che ha continuato a spiare: Marina non è in grado di accudire il suo bambino. Ben presto però anche Manfred viene smascherato come l’uomo traumatizzato e angosciosamente solo che è: lo smascheramento è tanto più doloroso perché avviene dopo un incidente (in montagna, là dove lui dovrebbe sentirsi più sicuro e forte) nel quale rischia di perdere la vita ma viene salvato da Marina. Per un attimo lunghissimo sono stati l’uomo e la donna che si guardano, si sfidano, si desiderano – e forse si vogliono morti, tanto è intollerabile ed estremo il loro desiderare. E invece si separano.


Manfred si fa accudire, invalido, dalla ex moglie. Marina torna dal marito, in città – la vacanza è finita. Quindici anni dopo quell’estate Manfred e Marina si ritrovano.

www.lafeltrinelli.it

 

Consulta i nostri blog professionali dedicati ai concorsi letterari, supplenze i imprese.


Video recensione libro: Una storia quasi soltanto mia

 

Tag: recensione dei libri, recensione libro

 

L. Pinelli e P. Scaramucci – “Una storia quasi soltanto mia”

 

A 40 anni dalla morte di Giuseppe Pinelli, il racconto sul ferroviere anarchico morto nella questura di Milano nel 1969. Un libro straordinario!
Il video inizia con l’incontro di Licia Pinelli e il presidente Napolitano, e include il drammatico ricordo del 12 dicembre 1969 e dei giorni successivi a Milano: tra le giornate più buie della democrazia in Italia.
Gli autori:
Licia Pinelli arriva a Milano a due anni, figlia di una sarta e di un operaio. Impiegata, madre di due figlie, dopo la morte del marito Giuseppe “Pino” Pinelli si getta nella battaglia per ottenere verità e giustizia.
Piero Scaramucci (Praga 1937), giornalista, inviato speciale alla Rai dove ha lavorato dal 1961 al 1992, dal 1992 al 2002 è stato direttore di Radio Popolare, che aveva contribuito a fondare nel 1976.


Ha svolto attività sindacale e negli anni sessanta e settanta è stato militante di Lotta Continua e ha partecipato al Movimento dei giornalisti democratici. Svolge attività didattica per la formazione giornalistica. Oggi è vicepresidente del Comitato regionale per le comunicazioni della Lombardia.

 

www.feltrinelli.it

 

Dai un’occhiata a questi nostri blog che parlano di scrivere e esercizi inglese